Coronavirus, ecco perché i bambini si ammalano di meno