Aostasera.it:Aosta, a metà settembre riaprono asili nido

Aostasera.it:Aosta, a metà settembre riaprono asili nido

I posti nei “nido” diminuiscono, ma restano sufficienti per gli utenti previsti. No a nuove graduatorie, verranno utilizzate quelle precedenti. I bambini verranno organizzati in piccoli gruppi stabili, con educatori di riferimento ed un rapporto che passa da 1 a 8 a 1 a 6.

Aosta si prepara a riaprire gli asili nido e i Centri diurni per gli anziani a metà settembre.

A definirlo una delibera, approvata questa mattina dalla Giunta del Capoluogo. Inevitabilmente, qualcosa cambia rispetto al passato, vista la necessità di seguire le disposizioni ministeriali legate all’emergenza Covid.

Nel dettaglio, diminuiscono i posti disponibili nei tre asili nido comunali – via Roma, viale Europa ed il “Berra” – e nei due presidi educativi di quartiere (“La Farfavola” e “L’Apeluna”) vista la rideterminazione dei rapporti numerici tra numero di bambini e di educatori, che passa da 1 a 8 a 1 a 6, confermando il rapporto tra bambini e metri quadrati a disposizione, che deve essere di almeno 6 metri per ogni bambino.

I posti a disposizione scendono quindi da 158 complessivi a 108 (tra gli asili pubblici e i due privati), sufficienti però ai 98 bimbi della possibile platea – che si riferisce ai numeri dello scorso anno –, e che lascia un margine di 10 posti per le nuove iscrizioni.

Bambini che verranno organizzati in piccoli gruppi stabili, con educatori di riferimento, senza possibilità di modificarne la composizione, per evitare che si creino condizioni di utilizzo promiscuo degli spazi da parte dei piccoli appartenenti a gruppi diversi. Ogni gruppo, in sintesi, dovrà disporre di spazi, arredi e giochi ad uso esclusivo e sanificati.

Le iscrizioni, no a nuove graduatorie

Per le iscrizioni, invece, il Comune procederà seguendo le graduatorie già a disposizione. In delibera, infatti, si legge che “le capienze future non sono compatibili con una riapertura delle graduatorie, tenuto conto che i bambini complessivamente ancora in carico al prossimo avvio dei servizi risulterebbero essere 98, dato peraltro confermato a seguito di una indagine informale condotta presso le famiglie. Si ritiene pertanto di procedere, nell’eventualità di posti disponibili, prioritariamente a scorrimento delle precedenti graduatorie ancora vigenti e, solo in subordine e in caso di ulteriore disponibilità di posti, all’apertura di nuove”.

Tratto da AOSTASERA.IT

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *