Servizio Immigrazione

CENTRI DI ACCOGLIENZA STRAORDINARIA 

La Cooperativa Leone Rosso gestisce l’accoglienza prevista per i cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale;  oggetto dell’affidamento è il servizio di accoglienza  e la gestione dei servizi ad esso connessi, con l’obiettivo di garantire l’inserimento nel tessuto sociale territoriale.  Nei Centri di assistenza sono garantiti servizi di ingresso e di gestione tecnico – amministrativa; servizi di assistenza generica alla persona; servizi di assistenza sanitaria; servizi di pulizia e igiene ambientale; erogazione dei pasti; fornitura di beni (generi di prima necessità); servizi per l’integrazione. 
Per facilitare la gestione del centro di accoglienza sono a disposizione degli ospiti  il regolamento del centro e il contratto di accoglienza, tradotti in più lingue. In ogni centro sono attivati i percorsi di conoscenza della lingua italiana e, laddove è stata firmata la convenzione con i sindaci nei comuni nei quali insistono i C.A.S, sono attivi progetti di volontariato concordati con l’ente locale e a beneficio del comune ospitante. 

La permanenza nella struttura di accoglienza è regolata da un accordo chiaro tra il progetto territoriale e il singolo beneficiario, i quali definiscono rispettivamente i propri impegni e i tempi dell’accoglienza. La sottoscrizione del contratto di accoglienza è uno dei principali strumenti che favorisce un rapporto di reciprocità tra operatore e beneficiario: entrambi sono chiamati, secondo la propria posizione, a contribuire al progetto di accoglienza e a parteciparvi in maniera attiva. L’equipe dei vari  C.A.S. sono composte da un coordinatore, che si occupa degli operatori e della gestione delle risorse umane del centro in cui opera. Il coordinatore segue il progetto di accoglienza dei beneficiari  con le istituzioni locali, gli accordi con i servizi presenti sul territorio e la promozione dei progetti di formazione e di aggiornamento; da un operatore addetto all’accoglienza, che ha  il compito di curare gli interventi che garantiscano l’ integrazione e di seguire gli aspetti  gestionali della struttura e i beneficiari nella conoscenza e nel accesso ai servizi del territorio; da un operatore legale, che ha  competenze e  conoscenze specifiche relative alle procedure, alla normative di riferimento e alle relative pratiche da espletare per il riconoscimento della protezione internazionale del beneficiario: da un’assistente sociale con il compito di definire ed individuare gli elementi del contesto, nei quali inserire l’intervento di accoglienza e di facilitare il rapporto con i servizi del territorio; da un mediatore interculturale e linguistico che facilita i rapporti tra il beneficiario, l’operatore e il contesto territoriale e da uno psicologo in grado di  facilitare il dialogo con il singolo beneficiario. 

SECONDA ACCOGLIENZA

La Cooperativa Leone Rosso gestisce inoltre, tramite il Consorzio Codeal, il sistema integrato di accoglienza  di secondo livello a favore dei titolari del diritto di protezione internazionale e umanitaria; il progetto sperimentale è stato promosso dall’ Assessorato Sanità, Salute e Politiche Sociali della Regione Valle d’Aosta con l’intento di implementare e completare i servizi di seconda accoglienza presenti sul territorio; attraverso un sistema di interventi complesso, che va dalla mediazione linguistico-culturale all’orientamento per l’inserimento lavorativo e professionale e all’accompagnamento per l’inserimento sociale, i beneficiari del progetto sono supportati nella co-costruzione di un percorso di acquisizione di autonomia e di piena inclusione nella realtà valdostana.